Aumentano gli incidenti autostradali: sono proprio necessari i 150?

incidente-stradale-autostrada.jpg 
L’Associazione Amici e sostenitori Polizia Stradale (Asaps), ci fornisce l’Andamento dell’incidentalità sull’intera rete autostradale nei primi tre mesi del 2010. Andamento che rileva una inaspettata frenata    rispetto ai dati positivi dei primi tre mesi del 2009.

A fronte di un  modestissimo calo degli Incidenti di appena l’1, 1% c’è un  aumento invece dei feriti +2,8% e soprattutto dei morti +18,8%. Il quadro emerge dai ddati rilevabili sul sito della Polizia di Stato.

In dettaglio gli incidenti gennaio-marzo 2010 ammontano a 7.863, con 3.663 feriti e 82 morti, 13 in più rispetto allo stesso periodo del 2009.

I dati non specificano di quali tratti autostradali gli incidenti si siano verificati, se in quelli sotto controllo Tutor oppure su altri tratti. Per  avere questa informazione bisognerà incrociare i numeri della PS con quelli di Autostrade per lo’Italia.
Il dato della mortalità, comunque, esorta a una riflessione ora che è in atto la revisione del Codice della Strada il quale prevede l’aumento della velocità massima da 130 a 150 orari su alcune autostrade a tre corsie.
Se proprio non se ne potrà fare a meno, bisognerà escludere da questo provvedimento l’Autosole e la Bologna-Cesena, almeno dal lunedì al venerdì. In questi giorni, su queste arterie viaggiano molto frequentemente due file di camion.

 

Aumentano gli incidenti autostradali: sono proprio necessari i 150?ultima modifica: 2010-04-16T15:38:51+00:00da ulissefidanzati
Reposta per primo quest’articolo