Nuove norme del Codice della strada? Inutili senza maggiori, efficaci controlli

polizia_stradale.jpgLe nuove norme del Codice della strada, giunte all’ennesima ratifica, sono state oggetto di disamine,critiche e articoli di cronaca. Con disposizioni burocratiche fuori dall’immaginabile ed errori di omissioni incredibili, in certi casi, anche per via dell’ignoranza delle leggi dello Stato da parte dei componenti la commissione che ha proposto la normativa e dei parlamentari che l’hanno approvata. Un esempio che chiarirà questo mio pensiero: la legge italiana non ammette che si possano affibbiare ai minori sanzioni amministrative di qualunque natura. I responsabili, se un minore compie una infrazione punibile amministrativamente, sono coloro ai quali, in quel momento, il minore è affidato. E cioè padre, madre o nonna se, ad esempio, i genitori sono lontani. Cosa voglio dire?

Voglio dire che, ad esempio, un sedicenne che col motorino o lo scooter supera i limiti di velocità non può essere sanzionato: la multa la deve pagare il padre, la madre o la nonna e a queste tre entità dev’essere applicata l’eventuale penalità di punti se l’infrazione la contempla. Né al minore in moto può essere sospesa la patente, sempre secondo la legge dello Stato. E allora, questa nuova normativa che cosa corregge del Vecchio Codice? Solo alcuni punti riguardo ai maggiorenni, quelli con patente automobilistica. E’ buona, lo ammettiamo, per quel che riguarda droga e alcol.

Il governo, attraverso il premier, ha fatto sapere con compiacimento che le nuove norme contribuiranno a far diminuire ancora di più la mortalità da incidente stradale. Questo sarà vero solo quando sulle strade ci saranno i controlli necessari per evitare che i maleducati continuino nelle loro malefatte. Allo stato attuale, le nuove norme non sono controllabili per mancanza di personale, il ministro Maroni non vuole prendere in esame, e risolverlo, il problema della Polizia Stradale che ancora è ad organico super limitato, quasi a quello degli anni ’60. Uno scandalo autentico del quale non soffrono tutti gli altri paesi della UE. Fino a quando 12 mila uomini, aiutati da qualche pattuglia di CC, dovranno controllare 420 mila chilometri di strade tutti i codici della strada di questo mondo saranno inutili. E gli incidenti mortali sulle strade non potranno essere debellati.

Nuove norme del Codice della strada? Inutili senza maggiori, efficaci controlliultima modifica: 2010-07-29T16:19:00+00:00da ulissefidanzati
Reposta per primo quest’articolo