Auto elettrica: realtà a portata di mano oppure operazione d’immagine?

peugeot-ion.jpgIl salone di Parigi è un bombardamento di novità. Di ogni tipo. Ma soprattutto elettriche. I costruttori stanno facendosi la guerra in un settore che, per ora, sembra destinato al trasporto prevalentemente cittadino. Non si può prevedere altro, con certezza, visto che l’autonomia delle auto elettriche è ancora piuttosto scarsa e il rifornimento di energia è praticamente affidato alle prese dei garages di famiglia. Meglio di niente, si obietterà.

Cetro, meglio di niente. Però, per un viaggetto da Milano a Bologna, con un’auto elettrica ci vogliono almeno due ricariche (se non tre) da fare non si sa dove, visto che nelle stazioni di servizio l’auto elettrica è totalmente ignorata.

Io penso che l’auto elettrica (nella foto la Peugeot iOn 4 porte) sarà la salvezza di questo nostro pianeta. Ma ciò avverrà quando l’autonomia delle vetture raggiungerà almeno i 300 km e le piazzole di rifornimento saranno abbastanza generalizzate. Per ora, visto che non si può rivolgere a tutti l’auto elettrica è per molti casi un’operazione d’immagine. Chi presenta a Parigi un’auto elettrica oppure un prototipo, può fregiarsi della paternità di una tecnologia d’avanguardia, di una vera innovazione. Ma perché l’elettrica possa diventare un’auto di famiglia, con prezzo relativo, occorrono ancora anni.

 

Auto elettrica: realtà a portata di mano oppure operazione d’immagine?ultima modifica: 2010-09-23T19:45:23+00:00da ulissefidanzati
Reposta per primo quest’articolo