Furgoni contro disabili a Milano: e la Polizia Locale non riesce a punire i colpevoli

furgone-marciapiede-01.jpgSu quasi tutti i marciapiedi di Milano ci sono le discesine per consentire ai disabili di attraversare la strada. A Milano, però, il Comune (sindaco Morattoi e vice sindaco De Corato) paiono non avere sentore di un fatto gravissimo, quasi delinquenziale. Quello che commettono numerosi furgoni (soprattutto quelli che recapitano a domicilio pacchi e posta celere) foto.JPGche sostano, come testimonianole foto, sulle strisce pedonali “chiudendo” di fatto le piazzole per la discesa in strada dei disabili in carrozzina. Guidatori che se ne fregano di parcheggiare i furgoni dove non si può, tanto sono sicuri dell’impunità. Chi non rispetta i disabili non ha diritto alla patente: e ilcomando dei vigili urbani dovrebbe reprimere severamente questo tipo di odiosa infrazione. La verità è che per colpire questo tipo di infrazioni e punire esemplarmente i colpevoli occorrerebbe un pattugliamento efficace degli agenti con auto e moto. Come avviene in tutte le grandi città europee. Tranne a Milano.

Furgoni contro disabili a Milano: e la Polizia Locale non riesce a punire i colpevoliultima modifica: 2011-02-08T23:09:48+00:00da ulissefidanzati
Reposta per primo quest’articolo

Un pensiero su “Furgoni contro disabili a Milano: e la Polizia Locale non riesce a punire i colpevoli

  1. Fossero solo i furgoni dei corrieri….Sig. Nestore, non ha mai visto e letto le targhe che spesso ostruiscono….. chi più ne ha, più ne metta. Purtroppo c’è, chi si può permettere di tutto e di più. Basta una paletta, un lumino blù, una divisa o non, ed il gioco è fatto. L’occasione è sempre buona e giustificata. Una manifestazione sportiva, una scorta ad un politico, una pratica da sbrigare nei vari uffici (del giro) ecc.ecc. Tutte queste situazioni di eccezzionale esigenza di servizio bastano per fare… di ogni acqua un brodo. Se al loro posto vi fosse un comune cittadino rimarebbe senza stipendio o pensione e senza punti sulla patente. Lentamente, stiamo tornando al sistema tanto caro ed in auge nel Ventennio. Tira drit e tasi.

I commenti sono chiusi.