La Ferrari comincia il mondiale lenta in qualifica, con pochi punti in gara: per ora meglio la supercar FF

A1A_1369.JPGLuca di Montezemolo contava di certo in qualcosa di più dalla partenza del mondiale di F1. Per la riconferma, triennale alla presidenza della Ferrari, Montezemolo sperava che Alonso e Massa facessero meglio di un quarto e di un nono posto (pessima partenza di Alonso, corsa abbastanza anonima di Massa) magari la vittoria forse no, ma un podio certamente.  Ferrari, anche con le gomme Pirelli che hanno offerto un ventaglio ampio di prestazioni (consentendo uno, due ferrari-ff-muso.jpge tre pit stop), a Melbourne ha messo a nudo i soliti problemi: in qualifica non scalda bene gli pneumatici e non riesce a compiere il giro veloce al massimo del potenziale. In gara, non ha per ora il passo della Red Bull di Vettel e, fatto inaspettato dagli uomini in rosso, neppure della McLaren di Hamilton. Siamo solo alla prima corsa, sicuramente a Maranello correranno ai ripari. Purtroppo, però, anche gli avversari di vertice continueranno lo sviluppo delle proprie macchine. E in questo momento la Red Bull RB6 del mago Adrian Newey sembra imbattibile. Così la Ferrari, per ora, può solo rallegrarsi per l’effetto dirompente fatto sui mercati internazionali dalla supercar FF.

La Ferrari comincia il mondiale lenta in qualifica, con pochi punti in gara: per ora meglio la supercar FFultima modifica: 2011-03-28T10:36:27+00:00da ulissefidanzati
Reposta per primo quest’articolo

3 pensieri su “La Ferrari comincia il mondiale lenta in qualifica, con pochi punti in gara: per ora meglio la supercar FF

  1. Siamo come al solito a dover capire cosa non funziona quando altri pare lo abbiano gia’ fatto .. Al di la’ delle parole di rito la verita’ e’ che un team deve globalmente crescere e quello che si vede non mi pare vada in questa direzione , e’ d’ obbligo dare tutte le attenuanti della prima gara anche perche’ altrimenti in mercedes si dovrebbero dimettere in massa , ma che l interpretazione delle gomme sia un fattore chiave della resa di una monoposto lo si sa da circa 25 anni .
    Alla prossima

    Bruno

  2. Un 4° posto con una vettura non particolarmente performante mi pare un ottimo risultato.L’affidabilità c’è e questo permette di finire le gare e fare sempre punti.Non sarà la più veloce in assoluto,ma la rossa è secondo me favorita per il campionato.L’affidabilità consente costanza nei risultati e con un Alonso al volante,questa qualità sarà premiante.Vettel e Hamilton sono bravissimi ma Alonso è forse più maturo nel gestire la gara.Non sarei così pessimista….

  3. E tre ! il GPdella cina ha ancora una volta mostrato le pecche della Rossa , deludenti le affermazioni del DS Domenicali che arrancano tra il dire che e’ presente un problema della galleria del vento e che in realta’ ieri tra mille ” e’ chiaro ” ( beato lui ) si rifaceva alla brutta posizione in griglia della rossa per spiegare il cattivo risultato( come se le prestazioni di Webber e Schumacher non fossero esistite ) , naturalmente nulla a riguardo della cattiva strategia di gara UGUALE per entrambi i piloti , come se il repentino cambio di Webber dalle dure alle morbide non abbia insegnato nulla , la verita’ e’ che come ho scritto dopo il primo GP la Ferrari ha problemi strutturali di aereodinamica ( downforce ) che la rende poco performante sul giro secco facendo lavorare male i pneumatici , un altra stagione e’ passata , ci saranno recuperi e vittorie magari , ma non il mondiale . Gli ottimi secondi non sempre diventano ottimi primi , Stefano dovrebbe assumersi delle responabilita’ purtroppo chiare . Ricordo delle parole di una persona speciale , per anni con il Drake e conoscitore profondo di questo mondo , il mitico Gozzi , a riguardo di situazioni come queste , ed il responsabile di questo Blog ricordera’ bene .
    Il Presidente a mio avviso non puo’ non intervenire .
    E ora tutti a lavorare , con il consiglio a Domenicali di cercare meno scuse e di sapere fare autocritica .

I commenti sono chiusi.