I carburanti aumentano, gli automobilisti sborsano, il governo non interviene. E in ferie ci va la giustizia sociale

 

Pompe_benzina.jpgI carburanti aumentano ancora, il record della verde è salito a 1,624 euro e il gasolio a 1,501. Il Codacons protesta, la guardia di finanza fa quel che può mentre il prelievo fiscale sull’auto, nel 2010, ha sfiorato i 70 miliardi. Non è un caso che gli aumenti coincidano sempre, o quasi, allorché gli italiani si trovano vicini ai periodi di ferie. Un centesimo in più per ciascun automobilista che si muove ad agosto (il calcolo, empirico, è fatto su 20 milioni di auto e per due pieni di serbatoi da35 litri) diventa alla fine una cifra ragguardevole: circa 15 milioni in più. E ho calcolato per difetto, questo è certo. Nel momento in cui il governo chiede pesanti sacrifici agli italiani (soprattutto  a quelli che hanno meno) consentire aumenti del prezzo della benzina senza giustificazione significa fregarsene di chi ha atteso, nonostante le difficoltà, i giorni beati e sacrosanti delle ferie.  La morale? Semplice: in ferie quest’anno ci va la giustizia sociale.

 

 

 

 

 

I carburanti aumentano, gli automobilisti sborsano, il governo non interviene. E in ferie ci va la giustizia socialeultima modifica: 2011-07-26T19:23:12+00:00da ulissefidanzati
Reposta per primo quest’articolo

Un pensiero su “I carburanti aumentano, gli automobilisti sborsano, il governo non interviene. E in ferie ci va la giustizia sociale

  1. Ho un amico molto serio, di cui mi posso fidare. Mi raccontava che qualche settima addietro, si trovava in Lombardia, era sulla strada del rientro, con l’auto in riserva. Ha notato un distributore self service. Con il bancomat ha fatto il pieno di carburante e con sorpresa ha notato che sono entrati nel serbatoio più litri di quelli dichiarati dal Costruttore dell’auto. Come è possibile che in un contenitore rigido (serbatoio) entrino più litri di quanti dichiarati al momento del collaudo dell’auto? Due sono le cause. O il contalitri del distributore è palesemente starato, o il Costruttore a dichiarato a braccio la capacità del serbatoio. Io non ci credevo, allora mi ha mostrato le ricevute emesse dal distributore con prelievo bancomat. Io cerco di non trovarmi mai in riserva, perciò non potrò mai accorgermi se troverò una pompa starata. Sarei curioso di sapere se fanno o no dei controlli metrici gli uffici preposti. Con l’andazzo attuale in questa Repubblica delle banane non mi faccio più meraviglia di niente.

I commenti sono chiusi.