Professor Monti, colpisca il vizio non la necessità di lavoro

dita-sigarette-donna-fumatori-bianco_3259787.jpg“Anziché introdurre una nuova accisa che si aggiunge alle 16 già esistenti sulla benzina – ha dichiarato il presidente dell’ACI, Angelo Sticchi Damiani – meglio sarebbe stato pensare a nuove forme di imposizione diretta su altri beni di largo consumo e soprattutto voluttuari: dalla tazzina di caffè al pacchetto di sigarette. Il continuo aumento della pressione fiscale sull’automobile è stato evidenziato anche da Bankitalia, secondo la quale nel 2011 gli automobilisti hanno versato maggiori tasse per un totale di 6,4 miliardi di euro, con un incremento del 14,9% rispetto all’anno precedente”.
Sono d’accordo al 100%, caro professor Mario Monti. Colpendo con una nuova accisa la benzina il suo governo ha colpito una necessità di chi con l’auto lavora. Colpendo le sigarette il suo governo avrebbe, invece, colpito un vizio, fra l’altro dannosissimo alla salute. Ci ripensi.

Professor Monti, colpisca il vizio non la necessità di lavoroultima modifica: 2012-06-04T18:17:43+00:00da ulissefidanzati
Reposta per primo quest’articolo

8 pensieri su “Professor Monti, colpisca il vizio non la necessità di lavoro

  1. Non potrebbero mai esagerare con gli aumenti del tabacco, rischierebbero di generare una serie infinita di ex fumatori e gli incassi diminuirebbero. Sono andati a colpo sicuro, come sempre da millenni a questa parte.
    Un saluto.

  2. Un saluto a tutti, il caro Professore non vuole rendersene conto che aumentare ancore le tasse sui carburanti non ci/gli porterà nessun beneficio…………soprattutto a tutte quelle povere persone colpite dal terremoto, un pensiero venuto nella mia mente non titolata dai titoli, prof, dott. grand duca……. etc etc, per far cassa faceva soldi facili tassando tutti i concorsi a premi, lotterie, e quest’infinità di gratta e vinci……… decidi quanto vuoi vincere e………acquista il Cartoncino Magico……….per loro, non per noi!!!!!!
    “Si raccomandano………… giocate con moderazione”.

    Ps. mò è uscito pure l’Eurojackpot!!!!!!! Forza gente giocate con la speranza de usci dà CRISI!

  3. Io avrei fatto un accisa speciale su chi discrimina i fumatori, come chi ha scritto questo articolo.

    Il fumo un vizio???
    Il fumo è una dipendenza, una malattia, da curare e spesso incurabile!

    Complimenti! Lei è un uomo davvero intelligenti, Le auguro di essere discriminato nella sua vita, così come Lei sta proponendo di fare nei confronti di chi ha iniziato a fumare per colpa dello stato e delle multinazionali ed è rimasto vittima della nicotina.

    Spero che inizi a fumare come un turco, così forse si renderà conto di cosa vuol dire essere dipendenti dalle droghe di stato.

    Perchè non un’accisa su chi di cognome si chiama morosini? o si chiama Nicola di nome? Perchè non una tassa sulle lettere dell’alfabeto?

  4. Condivido perfettamente questa dichiarazione del presidente Sticchi, purtroppo la benzina permette guadagni milionari giornalieri cosa che il caffè e le sigarette non garantiscono, infatti il carburante è pregno di accise perpetrato nei tempi passati causa le varie calamità, e purtroppo mai rimosse. Se i governi, iniqui e spreconi, avessero tolto il balzello dopo le emergenze, oggi l’accise sarebbe un valido e sostanziale aiuto nelle calamità senza intaccare notevolmente la spesa di chi tutti i giorni, purtroppo, deve far uso di carburante

  5. scusa ma hai mai pensato che :

    1)la benzina la tassano perchè TUTTI usano la macchina o comuqnue quasi tutti..inoltre è la cosa più facile da tassare…sono mica stupidi!!! ora tassano la benzina per “i terremotati” ma voglio vedere quando questi soldi li vedremo nella mia zona, perchè se li vedremo come con l’Aquila campa cavallo!!!

    2)seconda cosa….non ti sembra che IL FUMO SIA GIA’ TASSATO ABBASTANZA??? costa praticamente 5 euro un pacchetto!!! ora, credo che in mezzo alla crisi, alla difficoltà economica, alla mancanza di lavoro e tutto il resto, un ca*** di caffè la mattina e un cavolo di pacchetto di paglie posso continuare a fumarmeli no? sono le uniche abitudini che ci permettono di mantenere un equilibrio psichico accettabile….se ci negano anche quelle continuando ad aumentarle, sinceramente è ora di una rivoluzione.

    Sai che credo in realtà? che invece che aumentare le tasse dovremmo abolire LA POLITICA in italia. Tanto a che serve? e non mi si venga a parlare di ANTIPOLITICA x carita’!!! sono degli anni che continuiamo a sprofondare, che continuiamo a sputare sangue, mentre sti stronzi che fanno ? continuano a prenderci in giro con i loro stipendi milionari…le loro ville, le loro auto blu pagate da noi….c’è una lista INFINITA di cose che questa casta fa e ha, che sta sopra a tutto e tutti!!!

    e il vaticano e ilPapa?? non scordiamocene… a che serve???? a dire “PREGHIAMO” mentre intanto succhia i nostri soldi…
    NON VA X NIENTE BENE!!!

  6. Se aumentare le imposte sulle sigarette genera una moltitudine di ex fumatori (che per una volta dovrebbero ringraziare il governo ..il quale ha lucrato per decenni sulla loro pelle) gli aumenti del carburante (unitamente agli altri elevati costi di gestione di una vettura) andranno a generare una schiera di ex automobilisti.

  7. Da fumatore sono favorevole, poichè la macchina mi serve per lavoro, mentre le sigarette no. Ma la questione è un’altra con 2 punti sul quale ragionare:
    1) Quanto incassa lo stato dal “vizio” del fumo? Siamo sicuri che incassi meno della benzina?;
    2) Se tassa la benzina, ci sarà anche una flessione del consumo della stessa, ma i soldi li incassa xkè si modera l’utilizzo ma si utilizzano sempre le macchine e le moto. Se tassa le le sigarette e simili ed il 20% smette ha perso per sempre un’entrata nelle casse statali.

I commenti sono chiusi.