Andrea Dovizioso alla Ducati? Meglio che Valentino alla Yamaha

valentino-rossi-2.jpgValentino Rossi ha scelto Yamaha, con tutti i problemi che gli cadranno in testa. Vediamoli. Una squadra che aveva lasciato due anni fa al termine di lunghe polemiche: e i giapponesi hanno memoria lunga. Un compagno di squadra, Jorge Lorenzo, che non gli darà tregua: lo spagnolo si sente prima guida. Una industria che, stante la crisi delle due ruote, non può investire come vorrebbe per allestire una scuderia in grado di supportare allo stesso modo due piloti come Lorenzo e Valentino.

Andrea Dovizioso, invece, ha scelto Ducati e prenderà il posto di Valentino. E ha fatto bene, perchédovizioso.jpg la marca tedesca proprietaria della Casa bolognese avrebbe in mente una strategia supportare, nel 2014, la partecipazione della marca bolognese in Superbike. Specialità destinata, nelle intenzioni dei grandi costruttori guidati da Audi/Ducati e Bmw, a sostituire nelle grandi catene televisive fra un paio d’anni la MotoGP. Perché le due ruote Superbike sono più vicine a quelle stradali e l’immagine che da la partecipazione alle corse serve, appunto, per vendere moto.

E così, io penso che alla fine la soluzione Ducati sarà per il simpatico pilota romagnolo la più vantaggiosa.

 

Andrea Dovizioso alla Ducati? Meglio che Valentino alla Yamahaultima modifica: 2012-08-13T11:01:00+00:00da ulissefidanzati
Reposta per primo quest’articolo

Un pensiero su “Andrea Dovizioso alla Ducati? Meglio che Valentino alla Yamaha

  1. Concordo con il nostro gentilissimo ospite Nestore Morosini,ma pur da profano dichiarato,non escluderei che Rossi in Yamaha possa anche trovare un forte sostegno dalla casa madre,interessata a sfruttarne le indubbie doti di “uomo immagine” su scala mondiale.Non so se Lorenzo sia altrettanto valido sotto tale aspetto,che non è davvero secondario nelle scelte delle grandi case le quali corrono unicamente per vendere sempre di più. La mia osservazione nasce da una lettura su Stoner che pare sia molto più a suo agio nelle sterminate praterie australiane che non sotto i riflettori.E’un gran pilota che ha saputo vincere con due moto molto differenti tra loro ma si è dimostrato poco portato alla promozione pubblicitaria e questo aspetto oggigiorno è probabilmente un limite di cui si tiene conto nel mondo delle due ruote.Pertanto la scelta del “simpatico” Dovizioso potrebbe felicemente affiancare un marchio giovane e disinvolto quale è Ducati,mentre un Rossi eterno ragazzino e gran comunicatore(pur se quasi trentenne e forse un po’attapirato…)potrebbe giovare al marchio dei tre diapason.

I commenti sono chiusi.