L’inciviltà: gettare mozziconi di sigaretta dal finestrino dell’auto

multa-di-500-euro-per-chi-getta-il-mozzicone--L-ipYlJx.jpegSecondo un sondaggio del del Centro Studi e Documentazione Direct Line, la principale compagnia di assicurazione online, gli italiani che guidano hanno abitudini poco compatibili con il rispetto dell’ambiente. Fra i molti comportamenti dannosi che ci vengono imputati c’è anche quello, inqualificabile, di gettare oggetti dal finestrino dell’auto in corsa. L’oggetto che più arriva dai finestrini delle auto che viaggiano è la cicca di sigaretta che, invece, dovrebbe essere spenta e messa nell’apposito spazio che tutte le vetture possiedono. Ma c’è anche chi, fatto vieppiù incivile, scarica il portacenere pieno sulla strada. Una volta, sui muri delle osterie e dei bar c’era un cartello che recava scritto:” La persona civile non sputa in terra e non bestemmia”. Quei cartelli non ci sono più. Ma ai distributori di carburante ce ne dovrebbero esser altri con su scritto: “L’automobilista civile non getta cicche dal finestrino”.

 

L’inciviltà: gettare mozziconi di sigaretta dal finestrino dell’autoultima modifica: 2013-01-29T17:21:33+00:00da ulissefidanzati
Reposta per primo quest’articolo

5 pensieri su “L’inciviltà: gettare mozziconi di sigaretta dal finestrino dell’auto

  1. L’educazione civile, che ai miei tempi era materia di scuola, forse non c’è più e lo si nota specialmente nelle grandi città dove vi è un gran via vai di gente e dove si trovano grandi quantità di mozziconi di sigarette gettate un po dappertutto non vi dico la ”rabbia” che mi assale quando pesto la gomma da masticare buttata sui marciapiedi. Ma la sciagura avviene, specialmente d’estate, quando si buttano mozziconi accesi dal finestrino e che finiscono ai margini di un bosco incendiandolo. Forse sarebbe necessario in quei punti, come le fermate degli autobus o alle metropolitane mettere dei cartelli che vietino di gettare a terra i mozziconi, purtroppo a chi è solo in auto si può sperare nella propria educazione e buon senso.

  2. In Svizzera ti fanno raccogliere il mozzicone, in Spagna sono 500 euro di multa e 5 punti di patente, in Italia…..devi litigare con coloro che sporcano le strade. Ora ci sono incivili che buttano anche la pattumiera di casa sulle strade. Ma i sindaci dei Comuni da me interpellati rispondono che quel tratto di strada (50 mt che dal loro Comune si innesta sulla superstrada) non è di loro competenza. I netturbini non si vedono mai, ripeto, mai al lavoro. Sicuramente quel tizio che ho picchiato anni orsono non sporcherà più la strada (versato contenuto portacenere in attesa apertura passaggio a livello ferroviario e rispondendo al mio richiamo..”ma a te che cazzo ti frega”????) non lo farà più….ma non si deve giungere a tali estremi; la Legge dove sta? Ma i Sindaci cosa fanno in merito? Gli Enti preposti alla manutenzione autostrade che fanno? e quelli per le statali e circonvallazioni. ? Ora anche i camion vengono posteggiati in strada. E tra poco le roulotte, i camper ecc. L’entourage di Milano è un immondezzazio. Io propongo: una domenica si blocca il traffico e con tutti i cittadini volonterosi puliamo le strade, dopodichè quel Sindaco che non “MANTIENE” le strade pulite lo si multa a titolo personale. Altrimenti non ne usciamo più.

  3. Ho constatato che una percentuale di questi insudiciatori della strada, ragionevolmente intorno al cinquanta per cento, getti le cicche per pura indifferenza alle conseguenze del gesto. Esiste una norma e non solo non viene fatta rispettare ma perfino il livello di tolleranza delle forze dell’ordine è differente a seconda del luogo geografico. Senza la certezza della pena ( ancor prima il necessario controllo ) è una guerra impossibile da vincere.

  4. Non ci dimentichiamo che per le olimpiadi a Pechino il presidente ha detto che non bisognava sputare per terra. Quindi…Stiamo sulla stessa barca.

  5. Ben me ne guardo di offendere il Popolo Italiano con epiteti quali sudicione o altro. C’è una legge abbastanza severa per chi imbratta strade ed marciapiedi. D’altronde cosa possiamo pensare quando vediamo pattuglie delle varie Forze di Polizia durante il loro servizio d’Istituto fumare, poi finita la sigaretta gettano tranquillamente il mozzicone della stessa in terra?
    Moralmente come potrebbero fare a redigere un verbale di ammenda contro un cittadino che insozza il marciapiede o la sede stradale?
    Ci sarebbero altre mille argomentazioni da segnalare, tra i componenti delle forze di polizia. Soste selvagge sui marciapiedi per comperare il giornale, le sigarette, bersi un caffè, addirittura per dialogare di cose personali con conoscenti, amici ecc.
    Ho notato che a volte gli agenti usano due pesi e due misure per le stesse circostanze. O si è ricchi come il mio omonimo Berluska e possiamo interpellare di continuo l’avvocato ed il giudice, o dobbiamo far finta di niente e roderci il fegato. Fortunatamente l’Italia è stupenda, il suo Popolo un pò meno e tra questi ci sono pure io.

I commenti sono chiusi.