Fabio Fazio ha ragione: sindaco Pisapia, fermare le auto la domenica è una sciocchezza

giuliano-pisapia.jpgFabio Fazio aveva definito “una sciocchezza” le otto ore domenicali di fermo macchina a Milano. Il sindaco Giuliano Pisapia aveva ribattuto: “Era meglio prima?”. A una critica, dunque, si è replicato con una domanda. Quindi: senza rispondere. E’ una prassi, ormai, praticata quotidianamente non solo da Pisapia (che non risponde neppure alle lettere aperte) ma soprattutto dall’assessore Maran che sulla sua pagina facebook risponde soltanto a chi gli scrive di panchine nei parchetti pubblici o di salutari passeggiate in bicicletta. Ma se vi azzardate a mettere in campo le buche sulle vie cittadine, i vigili che il sabato e la domenica se ne stanno a casa oppure al Meazza, che i motociclisti viaggiano per i viali a 80-90 orari superando le auto a destra e sinistra, allora l’assessore Maran glissa, ignora, salta a piè pari gli argomenti. O (com’è stato al termine del confronto con la Compagnia dell’automobile) fornisce vaghe assicurazioni su un interessamento che non prenderà mai forma. Eppure, cari sindaco e assessore, la città di Milano che si ferma per 8 ore diventa un controsenso al quale non sapete dare motivazioni. Perché fermate le auto? Per eliminare lo smog? Ma voi sapete bene che per fermare davvero lo smog occorrerebbe abbassare la temperatura di riscaldamento di tutti gli edifici pubblici, che viaggiano a 24-25 gradi, invece che con i 20 regolamentari. Oppure fermate le auto per consentire ai ciclisti di circolare in città senza pericoli? Ma voi sapete benisssimo che se voi, e chi vi ha preceduto, vi foste impegnati per realizzare piste ciclabili (facendole rigorosamente rispettare) il problema quotidiano delle bici non esisterebbe. Non avete soldi per fare tutto quel che la città chiede? Un modo per trovare finanziamenti c’è: fate pagare le multe agli automobilisti, ai motociclisti, ai ciclisti e ai pedoni indisciplinati. Ma prima di farle pagare dovete comminarle. Cosa che, attualmente, in pratica  rarissimamenteavviene.

 

Fabio Fazio ha ragione: sindaco Pisapia, fermare le auto la domenica è una sciocchezzaultima modifica: 2013-04-07T19:32:08+00:00da ulissefidanzati
Reposta per primo quest’articolo

4 pensieri su “Fabio Fazio ha ragione: sindaco Pisapia, fermare le auto la domenica è una sciocchezza

  1. Se certi amministratori avessero veramente a cuore la salute dei cittadini,farebbero un giro per Milano rilevando quante strisce pedonali siano praticamente invisibili,quanti incroci siano pericolosi con necessità di segnale stop o quanto meno di segnalatore lampeggiante e quanti incroci siano poco illuminati in palese contrasto con vie che sono oggettivamente sovrailluminate….La cifra distintiva di questa giunta non è certo il dialogo con i cittadini.

  2. Non vorrei continuare a ripetermi ma non ho altra scelta.
    I sindaci di qualsiasi paese o città d’italia, dopo la campagna elettorale infarcita di promesse che sanno perfettamente che mai manterrano, troveranno molto comodo e conveniente adeguarsi al sistema burocratico nazionale che vige da sempre.
    La sicurezza dei Cittadini (nell’ambito urbano) deriva direttamente dalle decisioni che sanno e sapranno prendere le Autorità comunali.
    Pertanto delle striscie stradali con la vernice ben visibile, gli incroci fatti con senso e funzionanti, le strade curate adeguatamente, i tombini e le cunette che smaltiscano in modo corretto l’acqua piovana, tutto questo rendono più sicura la circolazione viaria.
    Invece trovano comodo posizionare una selva di segnali stradali provvisori, con i divieti e dei limiti di velocità partoriti da delle menti bacate. Mi sono informato sui costi di questi segnali stradali, si parte dai 30 (trenta) euro per oltrepassare in certi casi i 500 (cinquecento).
    Molte volte il costo della segnalazione provvisoria supera il costo dell’intervento definitivo della sistemazione della sede stradale.
    Si vedono spesso delle manifestazioni pubbliche insensate (politiche e non) patrocinate dall’Amministrazione pubblica, mentre la stessa taglia dove per il Cittadino la qualità della vita fa la differenza.
    Il Sindaco dopo l’elezione spesso si dimentica dell’impegno preso con i cittadini.
    Molte volte lo stesso diventa irragiungibile dai suoi elettori anche nei problemi importanti per la stessa collettività.
    Siamo anni luce distanti dai paesi del nord Europa dove lì, il re, la regina, i principi li vedi in bicicletta in promiscuo con i loro concittadini pedalare sulle stesse piste ciclabili.
    In un viaggio fatto anni addietro in Danimarca, ho visto i regnanti danesi passarmi davanti come dei comuni mortali, senza scorte, auto strombazzanti ecc.
    Quì da noi basta essere un mini caccamolle che è attorniato da schiere di poliziotti a bordo di automobili blindate con sirene e lampeggianti in perenne funzionamento.
    Quì stiamo soffocando tra centinaia di migliaia di leggi, tante volte una in contradizione con l’altra, dove prosperano solo :Delinquenti, gli evasori fiscali, i ladri di tutte le specie, mentre lo Stato affonda sempre più senza possibilità di ripresa e di una minima speranza.
    Anche i Sigg. Sindaci con il loro menefreghismo e pressapochismo hanno contribuito a tutto questo.

  3. perche’ fermare le auto? perche’ la citta’ e’ loro ostaggio, 6 giorni a settimana, anzi sette, tranne nei pochissimi giorni in cui finalmente ciclisti (ma non solo loro), gente in pattini, bambini con il monopattino e famiglie qualsiasi si riprendono quei metri d’asfalto dai quali devono stare attenti a saltar via se vogliono salvarsi la vita in qualsiasi altro giorno.
    fermare le auto perche’ NON e’ vero che ne abbiamo bisogno sempre, che ne abbiamo bisogno di domenica, che non possiamo starne senza: sopratutto in un giorno festivo. perche’ milano e’ una citta’ bellissima ed e’ impossibile accorgersene se sei impegnato a schivare auto, moto e camioncini.
    perche’ siamo cosi’ abituati al rumore e alla puzza quotidiana che un po’ di silenzio solleva lo spirito di chiunque: non le e’ capitato mai (a me si piu’ di una volta), che durante le domeniche senz’auto la gente per strada le sorrida e le faccia un cenno? Ecco, per avere per poche ore una milano cosi’, io ci metto la firma, alle domeniche senz’auto

  4. La cosa più intelligente e ovvia sarebbe riuscire a conciliare l’intelligenza tra Autorità Municipali e Cittadini.
    Come critico le iniziative senza senso delle autorità preposte con altrettanta fermezza critico i comportamenti scorretti di pedoni, motociclisti, automobilisti.
    Tutti quanti dovremmo farci un profondo esame di coscienza e vedere se con il nostro comportamento siamo veramente dei cittadini modello o meno.
    Credo che gia questo porterebbe un grande contributo per migliorare la vita a tutti quanti.
    Criticare è facile gia il fare, diventa più problematico.

I commenti sono chiusi.