Tutti Nuvolari gli svizzeri sulle autostrade italiane: violazioni continue senza conseguenze

svizzera-polizia-1.jpgRecentemente le autorità svizzere hanno fortemente accusato il comportamento degli automobilisti italiani che, secondo loro, violano continuamente i limiti di velocità che vigono nella Confederazione. Nel Canton Ticino, anzi, gli italiani sono stati accusati di insegnare cattivi comportamenti stradali agli automobilisti svizzeri. A questo proposito, invece di ridere, voglio citare un passo del Vangelo: “Perché guardi la pagliuzza che è nell’occhio del tuo fratello e non ti accorgi della trave che è nel tuo? Come puoi dire al tuo fratello: permetti che tolga la pagliuzza che è nel tuo occhio, mentre tu non vedi la trave che è nel tuo? Ipocrita, togli prima la trave dal tuo occhio e allora potrai vederci bene nel togliere la pagliuzza dall’occhio del tuo fratello”. Cito questa frase stupenda per far presente alle autorità elvetiche il comportamento degli automobilisti svizzeri (soprattutto ticinesi, nella foto un’auto della polizia cantonale) sulle autostrade italiane che loro trasformano in pericolosi autodromi dove siu sentono tutti Nuvolarti. I 130 orari, stabiliti come massima velocità dal nostro Codice della strada, per gli svizzeri (ma anche per i tedeschi e per quelli del Principato di Monaco) non esistono. Con una differenza, però. Che da noi restano impuniti mentre in Svizzera gli italiani colpevoli di infrazioni vengono multati sul posto. E se non hanno soldi copntanti oppure non hanno carta di credito, devono lasciare lì la vettura.

 

Tutti Nuvolari gli svizzeri sulle autostrade italiane: violazioni continue senza conseguenzeultima modifica: 2013-04-16T12:25:00+00:00da ulissefidanzati
Reposta per primo quest’articolo