Gilles Villeneuve morì in pista l’8 maggio di 29 anni fa. Ma non fu, come disse la Fia, un suo “errore di pilotaggio”

Oggi è l’8 maggio, pomeriggio inoltrato. 29 anni fa, nell’ ospedale belga di Zolder, il mio caro amico Gilles Villeneuve era moribondo dopo l’incidente occorsogli nell’ultimo quarto d’ora della qualifica del GP del Belgio. Gilles era stato trasportato via in elicottero, informazioni non ce n’erano: noi ritenevamo fosse già morto, perché una decelerazione da 27g a zero ti spappola il … Continua a leggere

Sfatiamo le false convinzioni sulla morte di Gilles Villeneuve: il tragico impatto di Zolder non avvenne per colpa sua

Navigando su Internet mi sono trovato a leggere un giudizio tranciante su Gilles Villeneuve. Questo: il talento c’era… mancava la testa per arrivare a fine corsa. anche quando mori mori per una delle sue tante cavolate, era il giro di rientro ai box e lui lo faceva a manetta… Un giudizio che parte da una convinzione falsa, dettata probabilmente da un … Continua a leggere

Clamoroso: quando morì, Gilles Villeneuve aveva già deciso di lasciare la Ferrari. Ce lo ha confermato il figlio del Drake

Dopo 28 anni, un mese e 7 giorni dalla morte di Gilles Villeneuve arriva la clamorosa conferma: alla fine della stagione 1982, Villeneuve avrebbe lasciato la Ferrari. E la conferma non arriva da uno qualunque, bensì da Piero Ferrari che l’ha fatta qualche giorno fa quando, con alcuni amici, avevo visitato la fabbrica di Maranello. “Quando Gilles mancò, stava lasciando … Continua a leggere

Gilles come Nuvolari: il giro a tre ruote di Zandvoort, nel GP d’Olanda, gli costò il titolo mondiale

Ho capito, cari amici, che moltissimi di voi sono ancora legati alle gesta di Gilles Villenuve, il canadese volante della Ferrari scomparso, ahimé, 28 anni fa sul tracciato belga di Zeltweg. Ma la sua storia infinita è riassunta meglio di ogni altra immagine da uno striscione esposto dai tifosi alla prima variante del circuito di Monza nel giorno del GP … Continua a leggere

Quando Gilles Villeneuve mi portò da Milano a Maranello guidando sempre sulla corsia di emergenza

Il mio rapporto con Enzo Ferrari è stato sempre molto particolare. Quando eravamo in buona, il Drake mi dava del tu. Nelle altre occasioni il “lei” era inevitabile. Quell’anno 1980 era un periodo in cui Ferrari parlava sempre di monoposto progettate al computer, in effetti era vero ma le Rosse andavano maluccio. Nel GP d’Olanda, Jody Scheckter e Gilles Villeneuve … Continua a leggere