Prezzo della benzina non è tira e molla: è solo tira!

benzina alla pompa.jpgCi risiamo. Arriva un “ponte” festivo, benzina e gasolio salgono di prezzo. Il costo del barile è aumentato, dicono in coro i produttori, e perciò anche la benzina cresce. In un anno, i conti sono stati fatti dalle unioni dei consumatori, 10 euro in più per un pieno. Considerando che un pendolare che guida una compatta percorre, in un anno, almeno 100 km al giorno, cioè, 25 mila mediamente in un anno; allora la spesa in più arriva sui 65-70 euro. Se poi i conti li facciamo a un rappresentante di commercio, che di strada ne fa tantissima, con la spesa in più per i pieni di benzina potrebbe vestirci tutta la famiglia.

La verità è che chi sta nella stanza dei bottoni, quelli che  viaggiano con le auto blu magari con tanto di scorta, se ne fregano di quelli che per lavorare e spostarsi la benzina devono comprarsela. E poi, diciamola fino in fondo: a che pro contraddire le case petrolifere che, magari, qualche sostegno possono ben darlo, giustificandolo per esempio nelle spese di rappresentanza?

Qualche piccolo sconto, per i week end di Pasqua, qualche socità li pratica. Roba minima, però. Però, a ben riflettere accade quasi sempre che i ribassi del costo del carburante non arrivano mai con la stessa rapidità degli aumenti.  Stavolta il motivo è semplice, addirittura ovvio: il tempo è danaro: e il tempo che si allunga, mantenendo un prezzo elevato, rende di più. 

Prezzo della benzina non è tira e molla: è solo tira!ultima modifica: 2010-04-02T15:37:37+02:00da ulissefidanzati
Reposta per primo quest’articolo

3 pensieri su “Prezzo della benzina non è tira e molla: è solo tira!

  1. sarebbe meglio che scontassero tutto l’anno, così il rincaro per le feste lo digerirei meglio……..
    troppe tasse costituiscono il prezzo dei nostri carburanti, se non sbaglio il 50%, o giù di li…… per quante decine di anni dovremo soffrire per gli “stessi mali”?

  2. sarebbe meglio che scontassero tutto l’anno, così il rincaro per le feste lo digerirei meglio……..
    troppe tasse costituiscono il prezzo dei nostri carburanti, se non sbaglio il 50%, o giù di li…… per quante decine di anni dovremo soffrire per gli “stessi mali”?

  3. Sono veramente stufo del caro carburante, ma mi chiedo perchè non boicottare una compagnia non servendosi da loro, succederà qualcosa a favore degli automobilisti?

I commenti sono chiusi.