Ma con Adrian Newey, dopo Ross Brawn, la Ferrari sarebbe stata un’altra cosa

pat-fry-ferrari.jpgAlla Ferrari, dal 1° luglio, Pat Fry (foto a sinistra) entrerà a far parte della direzione tecnica della Scuderia come vice direttore alle dipendenze di Aldo Costa. Fry, 46 anni,  ha lavorato alla Benetton e alla McLaren. In quest’ultima squadra Fry è rimasto dal 1993 al maggio 2009, il suo ruolo era capo tecnico. Fry venne promosso nel 2001 a coordinatore tattico e l’anno successivo a capo degli ingegneri. Fry ha firmato le McLaren degli anni dispari: era stato newey.jpgchiamato da Ron Dennis a sostituire il partente Adrian Newey (foto a destra con Sebastian Vettel che lo inonda di champagne) sue sono le Mp4-20, 22 e 24. Bene, evidentemente Montezemolo si è accorto che il suo staff tecnico aveva bisogno di rinforzi e ha posto rimedio.  Ma forse, più che Fry, alla Ferrari era necessario proprio Adrian  Newey che non è libero.

Ma con Adrian Newey, dopo Ross Brawn, la Ferrari sarebbe stata un’altra cosaultima modifica: 2010-06-25T17:23:03+02:00da ulissefidanzati
Reposta per primo quest’articolo

Un pensiero su “Ma con Adrian Newey, dopo Ross Brawn, la Ferrari sarebbe stata un’altra cosa

  1. Una osservazione giustissima, non fosse altro che l’aerodinamico teorico Newey, ex progettista di aerei da caccia, ha inventato alcune delle vetture più tecnicamente ineccepibili della storia, a partire dalle McLaren fine anni 90. Pat Fry, ovviamente No.
    Non ha però le colpe di Newey, quella di continuare a progettare monoposto indipendentemente dalle reali esigenze di guida del pilota. Ad Ayrton, al suo vezzo di guidare con le nocche all’insù che nella sua Williams proprio non c’entravano, è costato caro. Newey non ha mai spiegato, ha taciuto colpevolemente durante il processo di Imola ben sapendo che la modifica al piantone del volante era stata fatta con il suo assenso. Ad occhio, direi che sta benissimo dove sta.
    Un saluto

I commenti sono chiusi.