Troppi pedoni morti nel 2009: auto, moto e anche voi che andate a piedi fate attenzione

116215_1564925_cmac000595_9623204_medium.jpgSecondo i dati dell’Asaps (sodalizio benemerito per la sicurezza stradale di cui fanno parte quasi tutti gli agenti della Polizia stradale, in pensione ein servizio) nel 2009 le vittime da incidente sono in calo ma nella guerra della strada la “fanteria” è ancora perdente: 667 pedoni morti (2,9 per cento in più rispetto al 2008) e 20.326 feriti (-1,5%). Dal 1999 quasi 9 mila pedoni morti e oltre 200.00 feriti: come dire che in dieci anni dall’Italia è scomparso un paesone di 9 mila abitanti.

Il record dei morti è per Roma, 65 , più del troplo di Milano fermatasi a quota 20 decessi. Napoli e Palermo sono metropoli abbastanza sicure per i peodni (rispettivamente 14 e 13 morti) meglio ancora Bologna (9 morti) e solo 3 decessi a Firenze. Città ideali per chi cammina a piedi Bari e Verona: nessun morto nel 2009.

Va da se che automobilisti,motociclisti e ciclisti italiani non sono ancora predisposti al rigoroso rispetto del Codice della strada (nella foto un pedone alza le mani per fermare l’auto che arriva) . Ma neppure i pedoni lo sono, visto che spesso traversano le strade (a volte molto pericolose) fuori dalle strisce pedonali, spesso a pochi metrio dal passaggio.

Gli automobilisti soprattutto devono tenere bene a mente che, vedendo un pedone al limite del passaggio a strisce, devono fermare l’auto e consentire l’attraversamento; e non accelerare per anticipare il pedone nell’attrraversamento.

Un’ultima annotazione. Città importanti, come Milano e Roma, non hanno ancora, se non in rarissimi casi, i semafori adattati con il segnale acustico per i non vedenti.

 

 

Troppi pedoni morti nel 2009: auto, moto e anche voi che andate a piedi fate attenzioneultima modifica: 2010-12-01T16:36:36+01:00da ulissefidanzati
Reposta per primo quest’articolo

2 pensieri su “Troppi pedoni morti nel 2009: auto, moto e anche voi che andate a piedi fate attenzione

  1. Qui il comportamento deve essere unanime, da parte dell’automobilista pronto a fermarsi in qualunque momento e si può fare solo mantenendo i limiti di velocità, il pedone deve calcolare la distanza dell’auto in arrivo e passare oppure no, purtroppo quando siamo in auto pretendiamo precedenze che a volte non ci spettano scesi dall’auto, come pedoni, imprechiamo contro gli automobilisti perchè non si fermano ai passaggi pedonali. Come si è già visto in altri articoli precedenti ciò che conta tantissimo oggigiorno è l’educazuione civile ed il rispetto altrui, che non è cosa da poco, visto che gli incidenti il più delle volte sono mortali.

  2. Purtroppo gli incidenti che coinvolgono pedoni sono stati eccessivi anche quest’anno.

    C’è un disegno di legge, di cui si continua a parlare, che dovrebbe essere rivolto proprio alla tutela dei pedoni, ma si continua a rimandare e a spostarlo al futuro.

I commenti sono chiusi.