Pirateria della strada: il 25% dei colpevoli è straniero

18_med.jpgEstate di fuoco per quel che rguardacla pirateria stradale. E nel computo di chi fugge senza prestare soccorso dopo aver provocato un incidente ci sono tanti stranieri, quasi il 25 per cento dei casi. I dati del primo semestre 2011 era già preoccupanti: 347 episodi di pirateria, con 55 vittime e 418 feriti. Ma i dati dei due mesi estivi, luglio e agosto sono a dir poco allarmanti.  

Nei due mesi di luglio e agosto lo speciale Osservatorio il Centauro-Asaps ha registrato 175 episodi di pirateria grave: 87 a luglio e 88 ad agosto, nei quali sono stati contati ben 26 morti: 12 a luglio e 14 ad agosto, e 207 feriti: 96 a luglio e 111 ad agosto. 

“Nei primi 8 mesi del 2011 – dice Giordano Biserni, presidente dell’Asaps – il nostro osservatorio ha monitorato in totale 522 episodi gravi nei quali hanno perso la vita 81 persone, di cui 41 pedoni e 12 ciclisti, che sono le prede più facili dei pirati, e 625 persone sono rimaste ferite. L’alcol e la droga sono stati protagonisti certificati del 21,7% degli episodi. Si tenga conto che si è trattato dei soli casi in cui il pirata è stato identificato e fermato nell’immediatezza del fatto, per cui si deve ritenere che la percentuale totale sia almeno doppia. Sale all’8,06 la percentuale degli episodi ricollegabili alla mancanza di assicurazione o con polizza falsa”. 

Il pirata  è stato identificato 345 volte, pari al 66,1% dei casi: denunciato in 228 casi e arrestato in 117. Ed ecco il dato peggiore. Dice Biserni: “Quasi un pirata su 4 è un forestiero. Infatti gli stranieri protagonisti sono stati il 24,1%, ma nell’8,4% degli episodi le vittime sono state gli stranieri”. 

Le regioni più “piratate” rimangono la Lombardia con 85 episodi gravi, l’Emilia Romagna con 59 e il Lazio con 49. ìIl più bieco dei reati della strada rimane un fattore di rischio elevato in un contesto di sinistrosità stradale estiva invece con andamento positivo. “L’Asaps – conclude Giordano Biserni – sottolinea la necessità della nuova figura di Omicidio stradale per quanti, ubriachi over quota 1,5 g/l o drogati causano la morte di una o più persone. Insieme allo schieramento di etilometri e di narcotest avranno un forte peso dissuasivo solo le pene certe e applicate”.

 

Pirateria della strada: il 25% dei colpevoli è stranieroultima modifica: 2011-09-03T08:35:56+02:00da ulissefidanzati
Reposta per primo quest’articolo

Un pensiero su “Pirateria della strada: il 25% dei colpevoli è straniero

  1. Certamente la causa più grave è della magistratura che tentenna sui reati dando l’impressione di poca serietà e chi proviene da altri paesi ne approfitta cercando di nascondersi dal reato. Sempre causa delle istituzioni poco serie è il reato ASSICURAZIONE sempre più frequente causa delle stesse assicurazioni poco chiare e costose, oggi si rischia di avere un incidente e non essere risarcito dalla controparte per non essere assicurato. Altra mancanza di serietà è la legge sull’alcool e droghe perchè si continua a guidare sotto il loro effetto, chi si droga mai più la patente per gli ubriachi sospensione per tre anni e conseguente esame di guida. Dal codice e dai giudici devono arrivare risposte precise e nette senza tentennamenti, gli italiani devono essere comandati con la massima serietà

I commenti sono chiusi.